+39 338 9850281
assopolca@yahoo.it
Via Croce Valanidi ctr. Lagani I, n° 24 - 89131 Reggio Calabria (RC)

 

Storia della Polonia

  • 966

    Atto del battesimo che fu il risultato delle preoccupazioni di Mieszko I, Principe dei Polanie del potere crescente dell’Impero Tedesco.

  • 992

    Bolesław I Chrobry (il Prode) fu il primo Re della Polonia.

  • 1000

    Congresso di Gniezno – la chiesa fu proclamata come lo stato indipendente.

  • 1295

    Przemysław II , dopo l’inconorazione a Gniezno, introdusse come stemma ufficiale dello Stato l’aquila bianca su sfondo rosso.

  • 1331

    Kazimierz Wielki (Casimiro il Grande) riuscì ad ampliare i confini polacchi rafforzando lo Stato e portandolo al benessere.

  • 1346

    Casimiro il Grande codificò la legge polacca.

  • 1364

    Fu fondata l'Università di Cracovia (chiamata all'epoca Accademia di Cracovia) – la seconda più antica università dell'Europa Centrale.

  • 1370

    Morì l’ultimo dei Piast – la famiglia reale polacca al potere dal IX secolo.

  • 1384

    Fu incoronata Jadwiga come il re (non regina) della Polonia. La legge polacca dell’epoca precludeva il governo alle donne, così i nobili polacchi eludono la regola con grande saggezza e responsabilità.

  • 1410

    Il 15 luglio Władysław Jagiełło ottenne una vittoria schiacciante sullo Stato Teutonico a Grunwald, fu una delle più grandi battaglie del Medioevo. Władysław Jagiełło governò per 48 anni – il regno più lungo nella storia polacca.

  • 1493

    Durante il regno di Jan I Olbracht fu istituito un parlamento con due camere: il Senato (vecchio Consiglio Reale) composto dai dignitari, vescovi ed alti ufficiali del Regno, la Dieta, composta dai rappresentanti eletti.

  • 1505

    Con il re Aleksander I fu emesso lo statuto legale "Nihil Novi" il quale decretò nulla di nuovo fosse deciso senza il beneplacito del Parlamento.

  • 1572

    Morì Knyszyn Zygmunt II August – l’ultimo re di Polonia della dinastia dei Jagielloni.

  • 1573

    28 gennaio - Fu firmata l'atto di tolleranza religiosa chiamato "Konfederacja Warszawska" (Confederazione di Varsavia).

  • 1791

    Furono formate le Legioni Polacche in Italia comandate da uno dei più valorosi generali polacchi.

  • 1797

    3 maggio - Fu proclamata, da Grande Sejm, la Costituzione del Tre Maggio (Konstytucja Trzeciego Maja) - la prima Costituzione in Europa e la seconda al mondo, dopo quella americana.

  • 1816

    Fu fondata l'Università di Varsavia.

  • 1830

    Cominciò l'insurrezione contro la Russia sotto il comando del sottotenente Piotr Wysocki.

  • 1831

    Inizio dell'immigrazione soprattutto a Parigi. Tra loro furono lo storico Joachim Lelewel, il compositore e pianista Fryderyk Chopin, i grandi poeti Adam Mickiewicz, Juliusz Slowacki, Cyprian Kamil Norwid.

  • 1906

    7 ottobre - Fondazione del Partito Socialista Polacco.

  • 1914-1918

    La prima guerra mondiale.

  • 1918

    Il maresciallo Jozef Pilsucki proclamò l'indipendenza della Polonia (Rzeczyposopolita Polska).

  • 1919

    5 agosto - L'Armata Polacca vinse la Battaglia di Varsavia (chiamata anche Il Miracolo sulla Vistula).

  • 1921

    A marzo fu proclamata la nuova Costituzione, moderna e democratica.

  • 1926

    "Mazurek Dabrowski" divenne l'inno nazionale polacco.

  • 1939

    1 settembre - Iniziò la seconda guerra mondiale con assalto nella Westerplatte a Danzica.

  • 1944

    1 agosto - L'insurrezione di Varsavia.

  • 1976

    La crisi in Polonia.

  • 1978

    16 ottobre - L'Arcivescovo di Cracovia, Karol Wojtyla, fu eletto papa dal Collegio dei Cardinali.

  • 1979

    A giugno, il neoeletto Papa Giovanni Paolo II fece il suo primo pellegrinaggio in patria.

  • 1980

    A Danzica nascita del movimento, sotto la presidenza di Lech Walesa, chiamato "Solidrnosc" ufficialmente riconosciuto dal regime come Sindacato Autonomo indipendente.

  • 1981

    13 dicembre - Il generale Jaruzelski ordinò all'esercito di prendere il potere proclamando lo stato d'assedio in Polonia.

  • 1989

    31 dicembre - Finisce l'epoca della Repubblica Popolare della Polonia - nasce la Terza Repubblica. All'aquila viene restituita la corona.

  • 1990

    Il Gen. Jaruzelski si dimette sotto la pressione sociale.

  • 1999

    12 marzo - Il Ministro degli Affari Esteri, Bronislaw Geremek, firma il trattato di accesso alla Nato.

  • 2004

    1 maggio - La Polonia entra a far parte dell'Unione Europea.

  • 2018

    Centenario della Liberazione della Polonia.

polonia politica

Regnanti polacchi nella storia

  • Mieszko I (ok. 935-992)
  • Bolesław Chrobry (966-1025)
  • Mieszko II (990-1034)
  • Kazimierz Odnowiciel (1016-1058)
  • Bolesław Śmiały (1040-1081)
  • Władysław Herman (1042-1102)
  • Bolesław Krzywousty (1086-1138)
  • Władysław Wygnaniec (1105-1159)
  • Bolesław Kędzierzawy (1121-1173)
  • Mieszko Stary (1122-1202)
  • Kazimierz Sprawiedliwy (1138-1194)
  • Mieszko Plątonogi (1130-1211)
  • Leszek Biały (1186-1227)
  • Władysław Laskonogi (1161-1231)
  • Henryk Brodaty (1165-1238)
  • Henryk Pobożny (1196-1241)
  • Bolesław Rogatka (1220-1278)
  • Konrad Mazowiecki (1187-1247)
  • Bolesław Wstydliwy (1226-1279)
  • Bolesław Pobożny (1221-1279)
  • Leszek Czarny (1240-1288)
  • Henryk Probus (1257-1290)
  • Przemysł II (1257-1296)
  • Wacław II (1271-1305)
  • Władysław Łokietek (1260-1333)
  • Kazimierz Wielki (1310-1370)
  • Ludwik Węgierski (1326-1382)
  • Jadwiga (1371-1399)
  • Władysław Jagiełło (1351-1434)
  • Władysław Warneńczyk (1424-1444)
  • Kazimierz Jagiellończyk (1427-1492)
  • Jan Olbracht (1459-1501)
  • Aleksander Jagiellończyk (1461-1506)
  • Zygmunt Stary (1467-1548)
  • Zygmunt August (1520-1572)
  • Henryk Walezy (1551-1589)
  • Stefan Batory (1533-1586)
  • Zygmunt III Waza (1566-1632)
  • Władysław IV (1595-1648)
  • Jan Kazimierz (1609-1672)
  • Michał Korybut Wiśniowiecki (1640-1673)
  • Jan III Sobieski (1629-1696)
  • August II Sas (1670-1733)
  • Stanisław Leszczyński (1677-1766)
  • August III Sas (1696-1763)
  • Stanisław August Poniatowski (1732-1798)
map

Informazioni

  • Associazione Polacchi in Calabria
  • Gralińska Katarzyna Krystyna (Presidente)
  • 92040890805 (Codice Fiscale)
  • +39 338 9850281
  • Via Croce Valanidi ctr. Lagani I, n° 24 - 89131 Reggio Calabria (RC)

Statistiche

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online

Flag Counter